1

Il pelago misterioso, Leviathan (1989)



Dopo Sfera, proseguiamo con il nostro percorso tra i film di fantascienza ambientati in fondo al mare con un piccolo cult degli anni Ottanta, l’horror sottomarino Leviathan. Ispirato esplicitamente alla saga di Alien e soprattutto a La cosa di John Carpenter, il film di George Pan Cosmatos, regista di Rambo II e Cobra, è ambientato su una piattaforma sottomarina, dove un gruppo di minatori sta svolgendo un lavoro per la compagnia Tri-Oceanic Corp. Guidati dal geologo Steven Beck (Peter Weller), i minatori trovano il relitto di una nave sovietica, la Leviathan. Un mistero la circonda: è data come attualmente in missione nel Mar Baltico, dunque cosa ci fa sul fondo dell’oceano? Beck e soci lo scopriranno presto, e a loro spese, quando uno dei minatori inizia a mutare dopo essere morto per cause misteriose. Il suo corpo riprende vita e si trasforma in un essere mostruoso, le cui singole parti sono in grado di generare altri mostri. La lotta per la sopravvivenza è resa ancora più ardua dall’ambiente ostile, dove la pressione potrebbe uccidere tutti…

Non c’è molto da dire su Leviathan da un punto di vista artistico: si tratta di una pellicola derivativa sotto tutti i fronti, eppure confezionata con estrema professionalità. Il cast è composto, oltre che da Weller (famoso per Robocop), anche da Richard Crenna (il Trautman di Rambo), Amanda Pays, Daniel Stern ed Ernie Hudson. Le musiche sono di Jerry Goldsmith, tanto per rendere ancora più evidente il debito con Alien. A produrre troviamo Luigi e Aurelio De Laurentiis, e nella troupe c’è anche personale italiano. L’insieme regge abbastanza e ci sono adeguati momenti splatter: tutto sommato, la visione scorre via piacevole ma senza sussulti di genio come nei modelli a cui Leviathan si ispira. Ma mica si può sempre pretendere il genio.

D’altra parte, il film di Cosmatos si appoggia a stereotipi – l’esplorazione degli abissi, il relitto misterioso, la minaccia inarrestabile nata dalla scienza – che bene o male funzionano sempre. Da recuperare, per completezza, se vi piacciono i film che abbiamo citato poco sopra. A seguire, una clip del film.

Leotruman